ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Algeria, malcontento popolare e gesti estremi

Lettura in corso:

Algeria, malcontento popolare e gesti estremi

Dimensioni di testo Aa Aa

Dettati dal malcontento popolare, continuano in Algeria i tentativi di suicidio.

Tre solo ieri, l’ultimo durante un sit-in di disoccupati davanti al ministero del lavoro ad Algeri.

Un uomo di quarant’anni si è cosparso di benzina ma è stato bloccato e soccorso dagli altri manifestanti prima che potesse darsi fuoco.

Alla base della protesta, le dure condizioni di vita e la mancanza di prospettive:

“Chiediamo un lavoro decente per ogni algerino”, ha detto Samir Laaribi del Comitato nazionale per i diritti dei disoccupati, “e un’indennità di disoccupazione che sia almeno la metà dello stipendio minimo”.

È del mese scorso la sommossa contro il caro vita ha visto almeno 5 morti e più di 800 feriti.

Da allora, almeno 12 persone hanno cercato di darsi fuoco, sull’onda del tunisino che con la sua morte ha scatenato la vittoriosa rivolta contro il regime di Ben Ali.