ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rivoluzione ai vertici del partito, ma Mubarak non molla

Lettura in corso:

Rivoluzione ai vertici del partito, ma Mubarak non molla

Dimensioni di testo Aa Aa

Mubarak non si dimette, neanche dai vertici del Partito nazionale democratico. La notizia diffusa dalla televisione panaraba Al Arabya è stata poi smentita dalla stessa emittente. E d’altra parte il rais sembra trovare ancora una sponda nella diplomazia statunitense. “Deve rimanere per pilotare i cambiamenti” ha affermato l’inviato

speciale statunitense per l’Egitto, Frank Wisner.

Si è effettivamente dimesso, invece, il figlio di Mubarak, Gamal, dal ruolo di segretario generale, il suo posto è stato preso da Hossan Badrawy. Lasciano anche altri membri di spicco del Pnd.

“Si tratta – spiega il corrispondente di Euronews dal Cairo, Mohamed Elhamy – di decisioni prese per tentare di rassicurare l’opposizione. Ci sono già state altre misure del genere prese dal governo, come il divieto di lasciare il Paese per alcuni ex ministri e il blocco dei patrimoni di alcuni di essi e di altri funzionari del regime. Si tenta così di dimostrare all’opposizione che è arrivata l’ora di procedere con le riforme”.

Piazza Tahrir resta occupata dagli oppositori al regime, che hanno continuato a chiedere per tutto il giorno l’uscita di scena di Mubarak.

Un segnale di apertura arriva dai Fratelli Musulmani: “sì al dialogo proposto dal vicepresidente Omar Suleiman, ma a precise condizioni”.