ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: UE striglia Mubarak ma non gli chiede di lasciare

Lettura in corso:

Egitto: UE striglia Mubarak ma non gli chiede di lasciare

Dimensioni di testo Aa Aa

Mubarak risponda ai manifestanti con “iniziative concrete”. Lo chiedono in una dichiarazione comune i ministri degli Esteri europei riuniti a Bruxelles.

L’Unione non dice apertamente al presidente egiziano di lasciare. Teme la presa di potere da parte delle forze estremiste, che potrebbero metter fine al ruolo di mediazione nel mondo arabo finora assunto dall’Egitto.

“Crediamo che il popolo egiziano debba essere ascoltato attentamente e i suoi bisogni indirizzati attraverso urgenti e decisive misure”, dichiara il capo della diplomazia europea Catherine Ashton.

Ma il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle sottolinea: “Per noi è molto importante supportare il processo democratico. Ma quello che non vogliamo è vedere le forze estremiste ottenere benefici da questo processo. Bisogna dunque fare molta attenzione.”

“Sarebbe catastrofico se salissero al potere i Fratelli musulmani”, si sussurra nei corridoi a margine dell’incontro a Bruxelles.

Mubarak deve rimanere o andarsene? Se il popolo egiziano ha le idee molto chiare, non si può dire lo stesso dell’Unione Europea. Fatica ancora a trovare una posizione comune. Alcuni pensano che sia più cauto far rimanere il presidente almeno fino alle prossime elezioni. Che si terranno quando? Nessuno lo sa. Altri ritengono invece che Mubarak dovrebbe cedere alla piazza e lasciare subito.