ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Violenti scontri a Suez e Alessandria

Lettura in corso:

Violenti scontri a Suez e Alessandria

Dimensioni di testo Aa Aa

L’intero Egitto è infiammato dalla protesta. A Suez, la città del Canale, ancora oggi un centinaio di manifestanti sono sfilati nelle vie del centro scandendo slogan ostili al presidente Mubarak.

La mossa del presidente di far dimettere i ministri del governo mantenendo lui il controllo della situazione non è servita, secondo questi dimostranti.

“Mubarak se ne deve andare – dice un manifestante -, non formare un nuovo governo, tutto questo non ha senso”.

Molte donne si sono radunate davanti all’obitorio di Suez, dove si trovano i resti di 12 uomini uccisi durante i disordini di venerdì. Un 13.o corpo è stato portato nelle ultime ore.

Oltre al Cairo e a Suez, gli scontri più violenti si sono registrati ad Alessandria. Qui migliaia di manifestanti affrontano la polizia, che ha reagito prima col tiro di proiettili di gomma, poi con il piombo. Il coprifuoco scattato alle 16 ora locale non viene rispettato. Un bilancio provvisorio parla di 20 morti nella città portuale.