ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: Mubarak nomina Suleiman vicepresidente

Lettura in corso:

Egitto: Mubarak nomina Suleiman vicepresidente

Dimensioni di testo Aa Aa

Sabato di tensione in Egitto. Migliaia le persone scese in strada al Cairo e ad Alessandria, per il quinto giorno consecutivo, per chiedere le dimissioni del presidente Hosni Mubarak.

Nelle ultime 24 ore almeno un centinaio le persone che hanno perso la vita. Più di duemila i feriti.

Ora però tutto lascia intravedere un passaggio di consegne.

Il capo di Stato, per la prima volta in quasi trent’anni, ha infatti nominato un suo vice. Si tratta di Omar Suleiman, direttore dei servizi segreti dal 1993, uomo di fiducia di Mubarak. Il vicepresidente è noto per i tentativi di mediazione in Medioriente e per i suoi sforzi per un dialogo tra i palestinesi di Fatah e quelli di Hamas.

Ad Ahmed Shafik, ministro dell’aviazione civile, anch’egli legato a Mubarak, è stato affidato l’incarico di formare il nuovo esecutivo. Sembra così profilarsi per l’Egitto un governo militare con un probabile passaggio di poteri da Mubarak a Suleiman.

Una soluzione che probabilmente non convincerà gli egiziani, che da giorni manifestano per un reale cambiamento alla guida del Paese. Anche sabato i dimostranti hanno sfilato nel centro della capitale incuranti dei carri armati schierati e del coprifuoco imposto dalla presidenza. Scontri si sono registrati all’esterno del ministero dell’Interno e in una prigione della capitale, dove alcuni detenuti cercavano di fuggire.

Mohamed Elhamy, euronews: “Le proteste mostrano che la caduta di un governo non è sufficiente per la folla che chiede la caduta del presidente egiziano”.