ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libano, al via i negoziati per governo Miqati

Lettura in corso:

Libano, al via i negoziati per governo Miqati

Dimensioni di testo Aa Aa

Prove di governo in Libano. Najib Miqati, miliardario e neo premier sunnita appoggiato da Hezbollah, ha dato il via ai negoziati.

Tra i primi incontri, quello con Saad Hariri, primo ministro uscente.

Poco incoraggianti i risultati: Hariri ha già detto no alla partecipazione a un governo che giudica sottomesso all’influenza iraniana.

C‘è il rischio, teme la comunità internazionale, di una destabilizzazione della regione e dei rapporti con l’occidente.

All’interno, la nomina di Miqati, martedì scorso, ha provocato una massiccia protesta di piazza. E molta incertezza:

“La situazione non cambierà, resterà com‘è”, dice un libanese, “E quello che è successo prima continuerà ad accadere. Le cose peggioreranno”.

Più fiducioso un altro libanese: “Miqati è una scelta di compromesso per tutti i libanesi. Ho ascoltato il suo discorso ieri e mi è piaciuto. Avremo stabilità in futuro”.

Il governo Hariri è caduto il 12 gennaio, dopo le dimissioni di 12 ministri in area Hezbollah, ostili all’inchiesta sull’assassinio dell’ex premier Rafic Hariri.

A Beirut ora c‘è calma, ma è calma blindata.