ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fuga di notizie sui negoziati di pace in Medioriente

Lettura in corso:

Fuga di notizie sui negoziati di pace in Medioriente

Fuga di notizie sui negoziati di pace in Medioriente
Dimensioni di testo Aa Aa

Ha l’effetto di una bomba la fuga di notizie sul processo di pace in Medioriente.

I negoziatori palestinesi definiscono un “gioco di propaganda” le rivelazioni del quotidiano britannico the Guardian e della rete televisiva Al Jazeera.

1.600 documenti con la trascrizione di oltre un decennio di negoziati top secret, testimonierebbero che l’Autorità Nazionale Palestinese era pronta a importanti concessioni per il successo del processo di pace. Tra queste, avrebbe lasciato a Israele tutte le colonie costruite a Gerusalemme est, tranne una.

Il principale negoziatore palestinese, Saeb Erekat, ha dichiarato che quanto pubblicato è in parte una menzogna, in parte decontestualizzato.

Hamas ha già accusato l’Anp di tradire la causa palestinese. Questi i primi commenti a caldo per le strade di Ramallah:

-“La questine non mi sorprende: dagli accordi di Oslo fino ad oggi i palestinesi non hanno beneficiato dei negoziati. Gli accordi non hanno portato a nulla”.

-“E’ meglio vivere sotto assedio piuttosto che cedere le nostre terre”.

“I media hanno il diritto di pubblicare e diffondere le informazioni. Questo diritto deve essere garantito, ma ora l’importante è reagire per spiegare al popolo palestinese come stanno davevro le cose”.

-“Nessuno al mondo può cedere la sua terra. Tutto quello che è stato detto non è che una bugia e propaganda politica. Lo sappiamo”.

Decine di persone sono scese in piazza a Ramallh per manifestare contro la pubblicazione dei documenti e tentando di fare irruzione negli uffici del canale qatariota Al-Jazeera.