ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontri ad Algeri: l'opposizione punta sull' "effetto Tunisia"

Lettura in corso:

Scontri ad Algeri: l'opposizione punta sull' "effetto Tunisia"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Bouteflika assassino” urla la folla affrontando la polizia.

Algeri ha vissuto un’altra giornata all’insegna delle proteste di piazza e il regime teme una deriva in stile tunisino. La rabbia e la frustrazione della popolazione in particolare dei giovani rende questo scenario possibile. Centinaia di persone hanno sfidanto lo stato d’emergenza che vieta ogni manifestazione pubblica radunandosi sotto la sede del Raggruppamento per la cultura e la democrazia un partito d’opposizione radicato soprattutto nella regione della Cabilia.

“Chiediamo la liberazione di tutti i giovani arrestati nelle ultime manifestazioni e il rispetto delle libertà garantite dalla Costituzione. Reclamiamo la soppressione di tutte le istituzioni varate grazie alle frodi elettorali e l’apertura di un processo pacifico di transizione” ha spiegato Said Saadi il leader dell’RCD.

La protesta nelle settimane scorsa ha fatto 5 vittime. Ad esasperare il clima la disoccupazione dilagante, gli aumenti dei prezzi per i generi di prima necessità e il bavaglio imposto dal regime e da Abdel Aziz Bouteflika al potere da ormai 12 anni