ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Tunisia in lutto

Lettura in corso:

La Tunisia in lutto

Dimensioni di testo Aa Aa

COminciano in Tunisia i 3 giorni di lutto nazionale per onorare le vittime della rivoluzione dei gelsomini. L’ultimo bilancio parla di un’ottantina di morti, quasi tutti uccisi dal fuoco della polizia fedele all’ex presidente Bel Alì.

Terminato il periodo di lutto il paese dovrebbe tornare a un ritmo di vita normale, con la riapertura di scuole e università:

“ tre giorni di lutto sono il minimo – dice un abitanted i Tunisi – Abbiamo avuto oltre 80 caduti. Credo sia il minimo per rendere omaggio a chi è sceso in piazza a manifestare, ha alzato la voce ed ha fatto il possibile per la Tunisia”.

“La situazione non è ancora chiara – aggiunge una donna – non sappiamo ancora se le cose miglioreranno o no, né chi siano quelli che ci guideranno”.

Il governo di unità nazionale ha autorizzato tutti i movimenti politici che erano illegali durante il regime. Il comitato centrale del partito che fu il cardine del sistema Ben Alì è stato sciolto e un ministro del nuovo esecutivo, giudicato troppo legato ai vecchi gruppi di potere, si è dimesso. Ma ce ne sono altri, nella stessa situazione, che restano nella nuova leadership. Hanno comunque abbandonato ogni incarico partitico.