ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cyber-attacco contro la borsa di CO2

Lettura in corso:

Cyber-attacco contro la borsa di CO2

Dimensioni di testo Aa Aa

La borsa delle emissioni tossiche sotto cyber-attacco.

Gli hacker si sono inseriti nel sistema portando a termine una truffa di almeno 28 milioni di euro che ha costretto Bruxelles a sospendere le contrattazioni per almento una settimana.

Le operazioni illegali hanno riguardato 14 Paesi, tra cui Polonia, Grecia, Estonia e Repubblica Ceca. In quest’ultimo paese la truffa ammonta a 7 milioni di euro.

La borsa prevede acquisto e vendita di quote di CO2, controllo e gestizione spettano ai singoli stati membri.

Maria Kokkonen, portavoce della Commissione europea:
“Le misure di sicurezza, la sicurezza è di competenza nazionale, ciascuno stato membro è responsabile del proprio registro. Noi come regolatori del mercato dobbiamo agire ricordando agli stati membri cosa devono fare”.

Operativa dal 2005, la borsa per gli scambi di CO2 è stata costituita per incoraggiare le imprese dei settori più inquinanti a ridurre le emissioni di gas serra.

Dal 2013 queste operazioni dovrebbero passare sotto controllo europeo.