ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina e Stati Uniti: dopo il viaggio di Hu Jintao si va verso nuove relazioni bilaterali?

Lettura in corso:

Cina e Stati Uniti: dopo il viaggio di Hu Jintao si va verso nuove relazioni bilaterali?

Dimensioni di testo Aa Aa

Puntano a costruire relazioni bilaterali capaci di superare le frizioni degli ultimi tempi, e non lo nascondono. Così il presidente Obama e il suo omologo Hu Jintao, nella seconda giornata della visita di stato negli Usa del leader cinese, hanno messo sul tavolo dei colloqui alcuni dei punti centrali nel confronto tra Pechino e Washington.

“Ho detto al presidente Hu che salutiamo con favore la crescente flessibilità della moneta cinese. Devo però aggiungere che rimane lo stesso sottovalutata, e che serviranno altri adeguamenti nei tassi di cambio. Continueremo a guardare alla crescente determinazione della moneta cinese da parte del mercato, il che garantisce che nessuna nazione abbia indebiti vantaggi”.

Analogamente, Hu Jintao ha offerto la poiszione di Pechino sulla questione dei diritti umani, frequentemente usata per mostrare i contrasti tra i due paesi.

“Come il presidente Obama ha detto correttamente, c‘è disaccordo tra la Cina e gli Stati Uniti in materia di diritti umani. Noi vorremmo impegnarci in dialoghi e scambi con gli Usa sulla base di un mutuo rispetto e del principio di non ingerenza nei reciproci affari interni”.

Mentre Hu Jintao e Obama erano a colloquio, per il secondo giorno consecutivo davanti alla Casa Bianca qualche decina di attivisti ha manifestato per chiedere l’indipendenza del Tibet.