ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ahmed Bennour: Ben Ali preparò una cospirazione

Lettura in corso:

Ahmed Bennour: Ben Ali preparò una cospirazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Ahmed Bennour ex sottosegretario del ministero dell’Interno di Tunisi durante la presidenza di Habib Bourguiba.

euronews l’ha intervistato per analizzare la questione sicurezza in Tunisia.

Ali Takach, euronews:
Ahmed Bennour benvenuto su euronews. Quale sarà la situazione costituzionale e di sicurezza della Tunisia?

Ahmed Bennour, ex sottosegretario del ministero dell’Interno di Tunisi durante la presidenza Bourguiba:
Personalmente ho sempre messi in guardia i tunisini da Ben Ali. Lo conoscevo ed ero sicuro che non era in grado di avere simili responsabilità. La sua cultura, il suo partito e anche il suo progetto personale erano progetti di egemonia, un progetto di potere e non aveva alcun progetto politico. Il vero problema è che ha organizzato una cospirazione per il momento della sua partenza: è la politica della terra bruciata.

euronews:
Scusi se la interrompo, ma quali sono i dettagli di questa cospirazione?

Ahmed Bennour:
È iniziata quando il capo della sicurezza presidenziale, un ufficiale che conosco dagli anni Settanta, iniziò a distribuire armi ai suoi soldati perché le usassero contro l’esercito e per attaccare le proprietà, private e pubbliche. Questo piano diabolico era prevedibile perché abbiamo visto come Ben Ali ha obbligato Bourguiba a lasciare il potere il 7 novembre 1987.

euronews:
Quindi Lei pensa che potremo assistere ad atti di sabotaggio?

Ahmed Bennour:
Tutto è possibile. Invito tutti, in Tunisia, ad essere prudenti. Il Paese è aperto a tutte le possibilità.

euronews:
Lei crede che i Paesi arabi confinanti avranno un ruolo in ciò che è accaduto e in ciò che accadrà in Tunisia?

Ahmed Bennour:
Io confermo che le relazioni con l’Algeria sono ottime e che il presidente Boutaflika e il suo partito rispettano molto la Tunisia. Io non credo che il governo algerino agirà contro la volontà del popolo tunisino. D’altra parta, le dichiarazioni del presidente Gheddafi hanno in qualche modo scioccato le elite politiche in Tunisia, perché dire che Ben Ali è la persona migliore della Tunisia è un’ingerenza imprudente degli affari tunisini.

euronews:
Come vede il ruolo dei Paesi occidentali riguardo questa rivoluzione? Pensa che il ruolo di Stati Uniti e Unione Europea possa essere positivo per il presente e il futuro della Tunisia?

Ahmed Bennour:
Nell’ultimo periodo l’Occidente, specialmente la Francia e alcuni Paesi europei hanno smesso di giocare un ruolo in Tunisia. Ma guardo con ottimismo alle future relazioni particolarmente con la Francia, con cui abbiamo legami eccellenti. Allora il difficile periodo nel quale abbiamo vissuto e in cui la Francia non ha preso una dura posizione contro la dittatura….io penso che gli stessi francesi guardino con rimpianto a quel momento e ora penso sia tempo di pensare al futuro dei nostri popoli.