ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Baby Doc, l'ex presidente più giovane del mondo

Lettura in corso:

Baby Doc, l'ex presidente più giovane del mondo

Dimensioni di testo Aa Aa

La maggior parte degli haitiani avrebbero sperato di non vederlo più, che il suo nome restasse sepolto insieme agli anni bui della passata dittatura. Ma oggi, metà della popolazione ha meno di ventun anni e nessun ricordo del tempo in cui Jean Claude Duvallier dominava sul paese caraibico.

Ma a eventuale ritorno, Duvallier pensava almeno dal 1998.

Giornalista: “Pensa di tornare a Haiti per fare politica?”

Jean-Claude Duvalier: “Penso che tornerò nel mio paese, è il sogno che mi è più caro”.

Quando presta giuramento come presidente, nel 1971, ha appena diciannove anni e si esprime con difficoltà. Suo padre Francois, soprannominato Papa Doc, era morto il giorno prima, il 21 aprile, dopo aver governato Haiti con il pugno di ferro dal 1957.

Dall’età di sette anni, Jean Claude, detto Baby Doc, è testimone di intrighi di palazzo, tentativi di colpi di stato ed esecuzioni, tanto che la sua personalità resta profondamente segnata dalla violenza. A undici anni sopravvive a un attentato in cui muoiono le sue guardie del corpo.

Papa Doc fonda la sua forza di intimidazione sui Tonton Macoute, la polizia segreta di cui si serve per mettere a tacere il dissenso: arrivando, non di rado, a sopprimere gli oppositori politici. Una condotta che giustifica con queste parole: “Ogni paese dovrebbe contare su un uomo forte. Non una dittatura, non un dittatore, ma un uomo forte”.

Succeduto a suo padre, Jean Claude governa per 15 anni. Inizialmente tenta qualche timida apertura, ma in fondo il regime resta lo stesso. La spinta riformatrice si blocca del tutto dopo il matrimonio con Michele Bennett, ricca esponente della borghesia mulatta dell’isola.

Baby Doc è costretto a rassegnare le dimissioni nel 1986, sull’onda di una rivolta popolare e dietro pressione degli Stati Uniti. Durante il suo regime, 100mila haitiani si erano dati alla fuga su imbarcazioni di fortuna.

Trovata accoglienza in Francia, Jean Claude e la moglie si stabiliscono in Costa Azzurra.