ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia, calma blindata dopo un'altra notte violenta

Lettura in corso:

Tunisia, calma blindata dopo un'altra notte violenta

Dimensioni di testo Aa Aa

Mattinata tranquilla a Tunisi e dintorni, dopo gli scontri a fuoco e le vittime di una notte illuminata a giorno dagli elicotteri.

Ma è una calma blindata, con l’esercito a pattugliare i punti strategici di una città quasi deserta.

Rari i passanti anche in piazza 7 novembre, che celebra l’inizio del potere del presidente Ben Ali.

“Al suo posto, vogliamo la piazza 14 gennaio”, afferma un tunisino, “Vogliamo la Tunisia come era prima e anche meglio”.

“Oggi va meglio”, dice un altro residente, “I cittadini proteggono i loro quartieri, ringraziando Allah”.

Ronde spontanee sorvegliano le case e gli abitanti. Ma dietro ai saccheggi e alle violenze, c‘è chi vede la mano dei servizi fedeli al presidente che seminerebbero il terrore per favorirne il ritorno.

È morto intanto il fotografo francese ferito venerdì a Tunisi da un lacrimogeno.