ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlino, Roma, Parigi: tunisini in festa ovunque

Lettura in corso:

Berlino, Roma, Parigi: tunisini in festa ovunque

Dimensioni di testo Aa Aa

Quasi tutte le grandi città europee si sono colorate di rosso: il rosso delle bandiere tunisine, sventolate in segno di festa per una libertà ritrovata, secondo i manifestanti. Roma, Milano, Ginevra, Berlino, Parigi, Marsiglia: ovunque le stesse scene, gli stessi suoni. L’inno nazionale, slogan, urla di gioia per la partenza del Presidente Ben Ali.

Ma c‘è anche molta preoccupazione.

“Ho la famiglia in Tunisia, e la situazione è catastrofica. Al momento non c‘è un governo. È il caos. La gente è stata dominata per 23 anni. Ora si sentono tutti liberi, ma forse non è il modo migliore”

A Losanna, stessa gioia e stesse preoccupazioni.

E un sentimento di grande vicinanza a chi è rimasto in Tunisia e cerca di immaginare un futuro.

Fisicamente lontani, gli emigrati si sentono comunque tunisini, e pensano al futuro del Paese, chi con pragmatismo, chi invocando una cesura netta:

“Non vogliamo un governo nel quale siedano esponenti del regime, che hanno appoggiato e gestito le politiche del presidente. Chiediamo un governo ad interim composto da tutte le forze che non hanno mai collaborato con il regime, e che si impegnino a garantire che in Tunisia, oggi, abbiano un ruolo anche le donne e i giovani”

Centinaia di tunisini hanno manifestato anche a Berlino, per chiedere libere elezioni al più presto.

I manifestanti, qui, hanno ricevuto anche la solidarietà di molti tedeschi.