ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fiat: referendum divide operai, a Mirafiori vince il sì

Lettura in corso:

Fiat: referendum divide operai, a Mirafiori vince il sì

Dimensioni di testo Aa Aa

Marchionne vince la sfida contro la Fiom.

Passa sul filo di lana il referendum sull’accordo per il rilancio dello stabilimento Fiat di Mirafiori firmato il 23 dicembre scorso.

I risultati vedono la vittoria del sì con il 54%.

“Quello che contava – dice Bruno Vitali della Fim – era riuscire a sbloccare il piano. Adesso Marchionne deve investire i soldi. Così come è stato rapido a minacciare la ‘levata di tende’ in caso di vittoria del no, adesso deve confermare rapidamente l’investimento”.

L’intesa regolamenta in particolare i turni di pausa, gli straordinari e le malattie. Se non fosse passata, l’ad della Fiat aveva minacciato di trasferire la produzione fuori dall’Italia.

“Fossi in Marchionne rifletterei molto – sottolinea Giorgio Airaudo della Fiom – Pesa molto il voto negativo dei lavoratori delle linee di montaggio, quelli su cui si carica il grosso del peso dell’accordo di Marchionne. È stata una prova di libertà e di dignità”.

Il risultato del referendum è arrivato grazie al voto dei colletti bianchi. Anche tra gli operai si è registrato uno scarto di 9 voti a favore dei sì.

La Fiom ha indetto uno sciopero per il prossimo 28 gennaio.