ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Haiti: l'istabilità politica ostacola gli aiuti

Lettura in corso:

Haiti: l'istabilità politica ostacola gli aiuti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’instabilità politica a Haiti ostacola la macchina degli aiuti.

A un anno dalla catastrofe, la Commissione europea tira le somme di quello che è stato fatto e soprattuttodi quello che non è stato fatto nell’isola caraibica.

Andris Piebalgs, commissario europeo per lo sviluppo:

“In un anno avremo potuto fare di più, molto di più……Il terremoto ha causato danni per 14 miliardi di euro, l’Unione ha stanziato oltre un miliardo. Ma anche se tutti i soldi fossero stati spesi ci sarebbe ancora molto da fare”.

Nel marzo dell’anno scorso i 27 si erano impegnati con oltre un miliardo di euro, finora sono stati utilizzati appena 600 milioni di euro.

Bruxelles adesso chiede stabilità e funzionamento democratico come condizione necessaria a una cooperazione costruttiva.

Kristalina Georgieva, commissaria europe per l’aiuto umanitario:

“Il problema più importante era e resta la mancanza di sviluppo che regna da decenni a Haiti. Mancanza di servizi, di istituzioni, mancanza di lavoro per i giovani. Questo è quanto vogliamo, siamo determinati a aiutare gli haitiani così da riprendersi”.

Alla vigilia del primo anniversario del tragico evento, le organizzazioni umanitarie difendono il proprio operato, concordano comunque sulla necessità di dare un colpo di acceleratore al processo di ricostruzione che durerà ancora anni.