ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ancora manifestazioni e arresti in Tunisia

Lettura in corso:

Ancora manifestazioni e arresti in Tunisia

Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora manifestazioni di piazza in Tunisia, che filtrano solo via internet.

Un’agitazione sociale violenta, partita tre settimane fa da Sidi Bouzid, dopo che un giovane laureato, simbolo di una generazione senza prospettive, si è dato fuoco per la confisca del suo banchetto abusivo di frutta e verdura.

Scioperi e rivolte a oltranza, ieri la giornata peggiore: arrestati diversi militanti e blogger, come Slim Amamou.

In carcere anche un rapper per la canzone “Presidente, il tuo popolo muore”, mentre dilagano gli attacchi degli hacker per oscurare i siti del governo.

Alla base di un movimento sociale che qui non si vedeva dal 1984, l’insofferenza verso il regime del presidente Ben Alì, i prezzi alle stelle e la crisi occupazionale che colpisce in particolare i giovani.