ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'istruzione di emergenza

Lettura in corso:

L'istruzione di emergenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Superare il trauma di un disastro naturale non significa solo ricostruire case e scuole, ma anche risollevare vite spezzate e guarire le persone traumatizzate. La cosiddetta “istruzione di emergenza” può essere uno dei mezzi più efficaci per aiutare i bambini sopravvissuti alle calamità a vivere di nuovo una vita normale. E’ il tema di questa puntata.

- Haiti, la ricostruzione post-terremoto

Haiti, un anno dopo il terremoto ha ucciso oltre 200mila persone: qui si lavora alla ricostruzione delle scuole. Il 60 per cento degli istituti della zona di Port-au-Prince sono distrutti o gravemente danneggiati. Grazie agli aiuti internazionali, dallo scorso aprile il governo haitiano ha potuto cominciare a ricostruirli.

Renane, 9 anni, si considera fortunata perché è sopravvissuta. Ha perso una gamba, ma guarda avanti grazie al sostegno della sua famiglia e della ong Handicap International.

- Pakistan, nei villaggi inondati si torna a scuola

Quando le inondazioni hanno colpito il Baluchistan, in Pakistan, migliaia di famiglie hanno perso casa e bestiame. Per circa settemila persone il campo profughi di Jaffarabad Flour Mill è diventata la loro casa. L’Unicef e altre ong hanno creato alcuni centri di insegnamento temporanei.

Tra gli oltre 1300 bimbi che li frequentano c‘è Reshma, otto anni. Prima di arrivare qui non aveva mai ricevuto un’istruzione ufficiale. Solo a Jaffarabad sono state create 18 scuole, 140 in tutto il Baluchistan, settemila i ragazzi che le frequentano regolarmente.

- Thailandia, disegnare i ricordi dello tsunami

Incoraggiare i propri allievi a esprimere i ricordi dello tsunami attraverso l’arte è il compito quotidiano di una insegnante thailandese nel villaggio di Ban Kamala sull’isola meridionale di Phuket. Un modo per aiutarli ad affrontare la tragedia del 2004.

La maggior parte dei bambini del villaggio erano molto piccoli quando lo tsunami si è abbattuto sul Paese poco più di sei anni fa: l’insegnante di arte ha chiesto loro di disegnare ciò che ricordano di quel terribile giorno. Due bambini della scuola di Ban Kamala sono morti durante lo tsunami. Molti hanno perso un membro della famiglia o un amico quando le onde hanno travolto il villaggio. I bambini imparano anche cosa fare in caso di un eventuale tsunami.

Le immagini dal Pakistan sono per gentile concessione di Unicef