ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlino smentisce di aver proposto un fondo di stabilità

Lettura in corso:

Berlino smentisce di aver proposto un fondo di stabilità

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa deve dotarsi di un nuovo fondo di stabilità per dare sostegno ai Paesi dell’Eurozona in difficoltà?

La Germania smentisce di aver auspicato una misura del genere, come sostenuto da alcuni organi di stampa, ma l’idea è nell’aria e prima o poi potrebbe essere presa in seria considerazione.

Il fondo sarebbe finanziato dai vari Paesi in proporzione alle loro dimensioni.

L’ipotesi piace ad alcuni operatori finanziari. Oliver Roth, di Closebrothers Seydler Bank, afferma:

“Io sono favorevole all’idea di un fondo di stabilità e crescita, perché dimostrerebbe che i politici europei sono consapevoli della situazione dell’euro: abbiamo ancora problemi strutturali e dobbiamo risolverli il piú presto possibile.”

Dopo le crisi in Grecia e in Irlanda, molti hanno auspicato la creazione di un nuovo organismo indipendente che agisca parallelamente alla Banca Centrale Europea nel sostenere le economie nazionali in difficoltà e garantire la salute della moneta unica.

Da gennaio, per rassicurare i mercati, saranno creati tre nuovi organismi.

A Londra avrà sede l’Autorità bancaria europea, che servirà a rafforzare il settore bancario.

Da Parigi vigilerà sui mercati l’Autorità europea dei valori mobiliari.

E a Francoforte ci sarà l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o professionali.

Senza dimenticare il Consiglio europeo per il rischio sistemico, che ha avuto il via libera nei mesi scorsi da Bruxelles e dalla Banca Centrale Europea.