ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Saviano: i clan mafiosi approfittano della crisi economica e finanziaria per consolidare il proprio potere

Lettura in corso:

Saviano: i clan mafiosi approfittano della crisi economica e finanziaria per consolidare il proprio potere

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo scrittore Roberto Saviano, autore del best seller “Gomorra”, attento osservatore dei fenomeni mafiosi minacciato di morte dalla camorra ha incontrato il nostro corrispondente a Bruxelles per ritirare il premio “Europe Book Prize”. Che effetti ha avuto la crisi economica e finanziaria sulle strategie dei cartelli criminali? Quali meccanismi utilizzano i clan per infiltrarsi sui mercati? Saviano risponde e ritorna anche sul tema dell’infiltrazione mafiosa nel nord Italia che nelle settimane scorse ha fatto infuriare la Lega Nord.

Saviano:

“La crisi ha aperto enormi possibilità alle mafie vincenti. Quelle perdenti sono state fermate dalla crisi ma quelle vincenti, i gruppi nigeriani, russi, calabresi, casalesi, corsi sono cartelli che hanno portato liquidità all’economia in crisi. E la liquidità li ha fatti vincere in ogni settore, dall’edilizia alle banche”

euronews:

Insomma sono utili, servono in questo momento perché fanno circolare denaro che non sta circolando.

Saviano:

“Esattamente. Penso a volte se dovessero sparire, cosi’..per miracolo quanta crisi ci sarebbe in Italia e in Europa!..parlo di un dato prodotto dalla Procura Nazionale Antimafia italiana quindi da un’istituzione: 100 miliardi di Euro l’anno di fatturato! …stiamo parlando di una delle più’ grandi imprese europee e ci limitiamo al fatturato italiano. Pensate ai cartelli spagnoli, ai cartelli sudamericani in Spagna quindi

l’Europa senza i soldi del narcotraffico….”

euronews:

Secondo lei i governi, e nello specifico quello italiano, stanno lottando efficacemente contro queste organizzazioni oppure manca qualcosa..?

Saviano:

“Stanno lottando, una parte delle istituzioni è sicuramente in prima linea da molto tempo. Lo Stato non è mai un monolite che va in un’unica direzione. L’Italia è un paese molto complesso per cui se c‘è una parte che è in prima linea anche a rischio della propria vita c‘è anche una parte profondamente collusa.

Credere che si possano sconfiggere le organizzazioni criminali con la repressione è un’illusione….la repressione è utile ma per batterla ci vuole un cambio politico-economico”

euronews:

In che senso?

Saviano:

“Nel senso più’ complesso del termine. Per essere chiari: il meccanismo degli appalti deve cambiare. Se vince sempre chi propone un prezzo più’ conveniente abbattendo i costi è chiaro che a spuntarla saranno loro.

Loro vincono perché possono sostenere quei prezzi ammortizzandoli con il narcotraffico”

euronews:

E’ una logica intrinseca alla logica economica attuale

Saviano:

“Esatto e poi soprattutto non è una battaglia battaglia che può’ fare solo l’Italia. I paradisi off shore sono paradisi di mafia, soprattutto paradisi di mafia”

euronews:

Lei qualche tempo fà, suscitando polemiche, ha parlato a proposito delle organizzazioni colluse o se non colluse comunque vicine alle attività mafiose…della Lega Nord che è un partito di governo, il partito dell’attuale ministro degli interni italiano. Ha delle prove?

Saviano:

“Quello che ho detto è che la n’drangheta interloquisce con la Lega, ho usato la parola interloquisce. Cosa che confermo: le mafie interloquiscono con i poteri. Mi sono rifatto a un’inchiesta e proprio in questi giorni stanno emergendo altri elementi in questo senso che confermano di incontri. E incontri significa volontà di gestire le liste, volontà di corrompere i politici. Poi certo tocca alla magistratura accertare”.

euronews:

Ma ci sono stati dei casi?

Saviano:

“l’inchiesta fatta dai PM Bocassini e Pignatone dimostra che la n’drangheta è assolutamente interessata. Nelle intercettazioni del boss Pino Neri loro parlano continuamente di Lega, Lega, Lega con cui debbono incontrarsi, a cui dobbiamo chiedere, con cui dobbiamo fare..”

euronews:

E hanno trovato accoglienza questi tentativi?

Saviano:

“Diciamo che loro hanno incontrato un consigliere regionale che ovviamente risponde che non sapeva chi fosse Pino Neri. E la magistratura accerterà se sia vero o meno.

Pero’ tutto questo denota quello che io volevo descrivere: un clima culturale, politico, sociale in cui le mafie parlano con i poteri. Non è cosi’ scandaloso quello che ho detto. Scandaloso perché? O meglio se lo dici del sud è normale, è normale che ma quando lo dici del Nord…ecco perché io l’ho fatto per dire nessuno è al riparo. Il mio obiettivo era questo: far capire che nessuno è al riparo”

euronews:

L’Attuale ministro degli interni Maroni si dice sia uno dei ministri più’ attivi della storia d’Italia nella lotta al è vero o no?”

Saviano:

“E’ vero solo in parte. L’opera repressiva che Maroni ha coordinato innanzitutto non è opera solo di Maroni. Maroni si è ritrovato con inchieste già in corso ovviamente. Le inchieste di mafia prendono anni e anni. Pero’ certo il modello Caserta è un modello positivo, la politica di contrasto è certamente positiva ma non sufficiente. Proclamare la sconfitta delle mafie è una balla”

euronews:

Abbiamo visto che nei paesi dell’est dopo il crollo dei sistemi socialisti c‘è stata una primavera delle organizzazioni criminali. Perchè? Qual‘è il meccanismo secondo Lei?

Saviano:

“C‘è da un lato la paura dell’imprenditoria sana. Dove vai ad investire? Il rischio di perdere era altissimo. Dall’altra il terrore della vecchia nomenclatura comunista di perdere il potere.

E quindi immediatamente si stabilisce un’alleanza. Arrivano le mafie e portano soldi, proteggono direttamente alcuni politici e drenano gli imprenditori. Cioè se tu ti leghi a loro e interloquisce con loro è tutto più’ veloce. Vuoi aprire una fabbrica a Tirana? Prova a farlo da solo..tangenti ritardi burocrazia infinita..

Fallo con loro: 3 settimane ed è tutto sistemato. Quindi diventano anche lo snodo per gli investimenti che ci sono stati. E’ interessante capire cosa è successo nell’est Europa perchè le mafie li’ sono state addirittura il propulsore economico in base a un principio liberale: hanno voluto e saputo rischiare”