ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Clima: a Cancun l'appello di Ban Ki-moon

Lettura in corso:

Clima: a Cancun l'appello di Ban Ki-moon

Dimensioni di testo Aa Aa

La conferenza sul clima di Cancun si avvia verso le giornate conclusive e decisive, e Ban ki-moon lancia un appello alla comunità internazionale. Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha esortato i quasi 200 Paesi presenti a trovare un accordo, anche se modesto: “Non c‘è bisogno di un accordo finale che comprenda ogni questione – ha detto. C‘è bisogno di vedere un progresso su tutti i fronti. Non possiamo permettere che l’idea di raggiungere un accordo perfetto impedisca di ottenere un accordo anche solo buono”.

Contro il sedicesimo vertice sul clima protestano diversi gruppi di attivisti, a partire da quelli impegnati a contestare il programma Onu sulla deforestazione, uno dei temi in discussione. Dopo la disfatta di Copenhagen, poi, le speranze di superare le divergenze tra Paesi ricchi e Paesi poveri restano poche. Forti dubbi permangono sul post-Kyoto, con Giappone, Russia e Canada decisi ad avere un accordo completamente nuovo, che impegni non solo gli Stati Uniti, ma anche le nuove economie emergenti, come Cina e India.

Un gruppo di artisti tedeschi ha inviato agli attivisti presenti a Cancun – via nave – un martello gigante gonfiabile per distruggere simbolicamente un vertice considerato inutile.