ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Costa d'Avorio riapre frontiere. Appello Ouattara a Mbeki

Lettura in corso:

Costa d'Avorio riapre frontiere. Appello Ouattara a Mbeki

Dimensioni di testo Aa Aa

La Costa d’Avorio riapre le frontiere per la prima volta dall’annuncio dei risultati delle elezioni, giovedì sera.

Un primo segnale di distensione che stride tuttavia con un clima di crescente tensione per una crisi che si complica.

Alassane Ouattara, che rivendica la vittoria alle presidenziali del 28 novembre, ha fatto appello all’inviato speciale dell’Unione Africana, l’ex Presidente del Sudafrica Thabo Mbeki, giunto ad Abidjan per tetare la mediazione.

“Mi rivolgo a Thabo Mbeki affinchè chieda a Laurent Gbagbo di non attaccarsi a potere” ha detto Ouattara “di fare un passo indietro che è quanto dovrebbe accadere nel momento in cui si perde un’elezione”.

Il Paese è ora spaccato in due: il Presidente uscente Gbagbo si è dichiarato vincitore e sabato ha prestato giuramento. Il rivale Ouattara ha fatto lo stesso con una dichiarazione scritta. La vittoria di Ouattara, annunciata dalla Commissione Elettorale e smentita invece dal Consiglio di Stato, è riconosciuta da Onu, Unione Europea, Unione Africana, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia. Isolato dalla comunità internazionale, Gbagbo mantiene l’esercito come custode della sua vittoria.