ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, aeroporti a pieno regime

Lettura in corso:

Spagna, aeroporti a pieno regime

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli aeroporti spagnoli funzionano a pieno regime oggi, dopo la giornata di paralisi che ha lasciato a terra 300 mila passeggeri, la maggior parte nello scalo madrileno di Barajas. Lo sciopero selvaggio dei controllori di volo è rientrato dopo che il governo ha adottato una legislazione d’emergenza, la prima dai tempi del dittatore Franco.

Ci vorranno comunque almeno un paio di giorni prima che tutti i passeggeri bloccati possano raggiungere le loro destinazioni.

“Sono ancora qui, e nessuno mi assiste – dice una passeggera spagnola -. E’ anche peggio, mi dicono di andare da una parte, poi da un’altra. Sono diretta in Lussemburgo e ieri ho perso l’aereo per colpa di Iberia e dell’aeroporto perché mi hanno detto che il volo non partiva e invece è partito”.

“Devo andare in Grecia per il matrimonio di mio fratello – aggiunge un altro passeggero -. Al momento non so nulla. Sto aspettando di sapere se il volo è cancellato oppure no. Questa è la situazione”.

Ora il governo intende rivalersi sui controllori di volo che hanno provocato la paralisi dei cieli.

“Ci saranno senza dubbio conseguenze – dice il vicepremier Rubalcaba – per tutti coloro che in modo inesplicabile e irresponsabile hanno abbandonato il loro posto di lavoro nelle torri di controllo”.

L’azienda pubblica di navigazione aerea ha aperto ha avviato 442 procedimenti disciplinari contro altrettanti uomini-radar, che protestavano contro la riforma del loro orario di lavoro. I controllori spagnoli sono tra i meglio pagati in Europa.