ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Costa d'Avorio ha ora due presidenti

Lettura in corso:

La Costa d'Avorio ha ora due presidenti

Dimensioni di testo Aa Aa

I sostenitori di Alassane Ouattara manifestano ad Abidjan e si preparano a una lunga fase di contestazioni in un Paese, la Costa d’Avorio, che si ritrova con due presidenti della Repubblica. L’uscente Laurent Gbagbo è stato confermato nella carica dal Consiglio costituzionale, massima istanza giuridica, che ha annullato la proclamazione dello sfidante Ouattara da parte della commissione elettorale indipendente in seguito alle elezioni del 28 novembre. Entrambi i contendenti hanno prestato giuramento.

L’Unione africana ha inviato in Costa d’Avorio l’ex presidente sudafricano Tabo Mbeki col ruolo di mediatore. L’Unione africana è tra le istituzioni internazionali che sostengono Ouattara, insieme a Onu, Unione Europea, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e alla Comunità economica dell’Africa occidentale.

Gbagbo si è paragonato nientemeno che a Napoleone.

“In Francia – ha detto -, Napoleone si mise da solo la corona in testa proprio per evitare che un altro sovrano, il Papa, lo facesse al posto suo. C‘è una serie infinita di esempi simili. Io ho il dovere di difendere la sovranità della Costa d’Avorio”.

Gbagbo può contare sul sostegno delle forze armate, essenziale per governare il Paese. Il Fondo monetario internazionale ha annunciato che non tratterà con un governo che non sia riconosciuto dalle Nazioni Unite.