ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Paura ad Haifa. Le fiamme avanzano in Israele

Lettura in corso:

Paura ad Haifa. Le fiamme avanzano in Israele

Dimensioni di testo Aa Aa

Paura in Israele per l’avanzata dell’incendio, che ieri ha ucciso una quarantina di persone nel nord del Paese.

Dopo aver investito un pullman di guardie carcerarie sul Monte Carmelo, le fiamme hanno guadagnato terreno in direzione di Haifa. Già oltre 15.000, tra cui 600 detenuti della vicina prigione di Damon, le persone evacuate dalle autorità.

“Un disastro senza precedenti” lo ha definito il premier Beniamin Netanyahu, che per far fronte all’emergenza ha sollecitato anche l’aiuto dell’Italia. Appello seguito all’S.O.S. dei vigili del fuoco, che nel pomeriggio di ieri avevano riconosciuto di aver perso il controllo della situazione.

Circa 3.000 gli ettari già interessati dalle fiamme, nell’area di una riserva naturale che affaccia sulla baia di Haifa. Di origine probabilmente dolosa, uno dei focolai che hanno causato l’incendio.

E mentre alla lista delle vittime si aggiungono almeno un poliziotto e due vigili del fuoco, fra gli amministratori locali della zona c‘è chi denuncia l’improvvisata gestione dell’emergenza e parla di strage annunciata.