ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Patrick N'gouan: "La Costa d'Avorio può voltare pagina"

Lettura in corso:

Patrick N'gouan: "La Costa d'Avorio può voltare pagina"

Dimensioni di testo Aa Aa

François Chignac, euronews:
Buongiorno a Patrick N’gouan, che presiede la Convenzione della società civile della Costa d’Avorio, un organo indipendente che lavora alla risoluzione della crisi, una crisi che dura ormai da dieci anni. Oggi, lei è preoccupato. Pensa che si verificheranno nuovi episodi di violenza nelle prossime ore?

Patrick N’gouan:
“È possibile, certo. Se guardiamo all’Africa nel complesso, si è sempre fatta una distinzione tra i Paesi africani democratici, i Paesi africani del buon governo e i Paesi africani del mal governo. In questi ultimi tutte le elezioni portano a scontri e violenze. È il caso della Costa D’Avorio. In Costa d’Avorio occorre rivedere il governo nel suo insieme. Per questo occorre coinvolgere la società civile, le confessioni religiose, il settore privato per poter definire in modo consensuale un futuro condiviso, ma anche un presente condiviso per la Costa d’Avorio”.

euronews:
Significa che il suo Paese non potrà mai voltare pagina davanti a questa crisi politico-militare?

Patrick N’gouan:
“La Costa d’Avorio può voltare pagina, a condizione che si possano realmente identificare in modo oggettivo le cause profonde di questa crisi e poi prendere misure idonee e non messe in scena diplomatiche o accordi e scambi tra politici come sta avvenendo”.

euronews:
Qual è la vera natura di questa crisi? E’ una crisi politica, una crisi economica, una crisi sociale o culturale?

Patrick N’gouan:
“La crisi ivoriana implica tre aspetti. C‘è un aspetto economico. Il Paese sta attraversando una crisi economica da diversi anni. Le risorse disponibili non bastano per fare fronte ai bisogni economici e sociali della popolazione. Tutti gli indicatori macroeconomici e microeconomici si sono degradati negli ultimi 20 anni. A questo si aggiunge la crisi politica, tutti gli indicatori sociali negativi. Il livello di precarietà fa sì che la povertà interessi almeno il 50 percento della popolazione. Questo significa che crisi economica e precarietà sociale spianano la strada all’instabilità politica”.

euronews:
Concretamente, Patrick N’gouan, qual è la soluzione?

Patrick N’gouan:
“Occorre fare in modo che la Costa d’Avorio sia gestita in modo partecipativo, dall’insieme della popolazione per permettere a valori e principi di prevalere. Non c‘è bisogno di un contesto dove i voleri di alcune personalità determinino la sorte della nazione. Sfortunatamente, è quello che sta avvenendo”.