ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sangue sulle presidenziali in Costa d'Avorio

Lettura in corso:

Sangue sulle presidenziali in Costa d'Avorio

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno otto persone sono state uccise da uomini armati che hanno preso d’assalto una sede del partito del candidato presidente Alassane Ouattara ad Abidjan, in Costa d’Avorio.

L’attacco è avvenuto nella serata di mercoledì, in pieno coprifuoco, deciso in occasione del secondo turno elettorale tenuto domenica.

“Abbiamo cominciato a sentire colpi d’arma da fuoco dalle 20 e 45, per almeno mezz’ora. Dopo aver ucciso gli uomini all’ingresso si sono arrampicati per entrare. Hanno gettato gas lacrimogeni per impedirci di andare a vedere cosa succedeva. Quando ormai avevano fatto una carneficina se ne sono andati”.

Quando la commissione elettorale ha provato a diffondere i risultati parziali del voto, un sostenitore del presidente uscente Laurent Gbagbo ha reagito strappando i fogli di mano a chi doveva leggerli.

Sale, dunque, la tensione nel Paese. Ouattara, a sua volta accusato di brogli dall’entourage presidenziale, è dato per favorito. Ma il rischio è che, a dispetto dei tentativi di pacificazione compiuti con l’ausilio di altri capi di Stato, a prendere il sopravvento siano le armi, come avvenne nel 2002.