ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto, domenica elettorale caratterizzata da violenze e arresti

Lettura in corso:

Egitto, domenica elettorale caratterizzata da violenze e arresti

Dimensioni di testo Aa Aa

In Egitto si conosceranno soltanto martedì i risultati del primo turno delle legislative. Una domenica elettorale, quella appena trascorsa, caratterizzata da violenze e arresti.

La vittoria del Partito Nazionale Democratico di Mubarak appare scontata ma i Fratelli Musulmani, principale partito d’opposizione, lanciano accuse. “Alle persone viene impedito di votare” afferma Muhamad Al-Beltaji, del movimento. “Ai nostri rappresentanti è stato impedito di entrare nei seggi, e le forze di sicurezza hanno gestito il processo elettorale dall’inizio alla fine”.

Accuse negate dal ministero dell’Interno egiziano e della Commissione elettorale che parlano di elezioni regolari. Sameh Al-Kashef, portavoce della stessa, afferma: “Fino ad ora la Commissione non ha ricevuto alcun reclamo o denuncia di serie irregolarità nel processo elettorale da parte dei candidati o dei votanti”.

Quaranta milioni le persone chiamate alle urne per il rinnovo dei 508 seggi dell’Assemblea del Popolo. Bassa l’affluenza alle urne.

“Il primo turno delle elezioni legislative – spiega il corrispondente di euronews Mohamed Elhami -termina sotto i riflettori delle accuse di scorrettezza tra le aspettative per una vittoria a valanga del Partito Nazionale Democratico e la sconfitta dei Fratelli Musulmani che perderanno una gran parte dei seggi che attualmente detengono in Parlamento”.