ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Haiti: domenica elezioni presidenziali

Lettura in corso:

Haiti: domenica elezioni presidenziali

Dimensioni di testo Aa Aa

Un voto per provare a ripartire. Domenica più di quattro milioni di haitiani saranno chiamati alle urne per scegliere il nuovo presidente del Paese. A più di dieci mesi dal terremoto che ha causato circa 250.000 vittime e con l’epidemia di colera che ha già mietuto più di 1.500 vite, gli aventi diritto fanno la fila per avere un documento d’identità che consenta loro di esprimere la propria preferenza. E a chi chiedeva un rinvio della consultazione le Nazioni Unite rispondono così:

“Sappiamo – dice Edmond Mulet, capo della missione dell’Onu ad Haiti – che questa epidemia peggiorerà non è stato ancora raggiunto il picco. È solo l’inizio della crisi e se le elezioni non si svolgono adesso, quando? Quando l’epidemia sarà ancora più grave?”

Diciannove i candidati, ma due i favoriti: Mirlande Manigat, 70 anni, docente universitaria ed ex first lady e Jude Celestin, 48 anni, ingegnere a capo del comitato incaricato della ricostruzione post-sisma e

supportato dal presidente uscente Preval.

Gli haitiani dovranno anche eleggere undici senatori e 99 deputati. Più di ottomila gli agenti che sorveglieranno le operazioni di voto a cui si aggiungeranno tremila caschi blu dell’ONU. La forza internazionale di peacekeeping, se le elezioni

si dovessero svolgere senza problemi, potrebbe lasciare il Paese già nella primavera del prossimo anno.