ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto. Scontri tra poliziotti e copti, un morto

Lettura in corso:

Egitto. Scontri tra poliziotti e copti, un morto

Dimensioni di testo Aa Aa

Pietre e molotov contro il divieto di costruire una chiesa, la polizia egiziana risponde con gas lacrimogeni. Negli scontri muore un ragazzo di diciannove anni, una trentina i feriti. Scontri che avvengono in un clima pre-elettorale già teso.

Nel quartiere Talibya, a sud del Cairo, non lontano dalle piramidi di Ghiza, si erano riuniti circa tremila cristiani copti per reclamare il diritto a costruire una chiesa. Le autorità egiziane sostengono che la comunità avesse il permesso solo di edificare un centro sociale.

“Il problema è che non possiamo costruire le nostre chiese mentre loro hanno il diritto di costruire moschee”, afferma una donna. “Questo è il nostro Paese, noi siamo nati in Egitto. Dovremmo avere il diritto di costruire in questo Paese”.

I copti rappresentano quasi il dieci per cento della popolazione egiziana di oltre 80 milioni di persone. Ritengono di essere messi ai margini della società. Negli ultimi mesi si sono verificati altri episodi di violenza tra cui l’uccisione di sei cristiani all’uscita di una messa.