ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Artiglieria nordcoreana sul Sud. Due soldati di Seul morti, case in fiamme

Lettura in corso:

Artiglieria nordcoreana sul Sud. Due soldati di Seul morti, case in fiamme

Dimensioni di testo Aa Aa

Torna a crescere la tensione tra le due Coree.  Almeno 200 tiri di artiglieria pesante partiti dalla Corea del Nord hanno colpito l’isola sudcoreana di
Yeonpyeong.
 
Si registrano almeno due vittime, due soldati sudcoreani, e numerosi feriti: una decina di militari e due civili. 
 
L’isola presa di mira si trova nel Mar Giallo, a soli 12 chilometri dal confine con il Nord. Secondo fonti locali, la maggior parte degli obici avrebbe raggiunto una base militare che si trova nel sud dell’isola. Ma si contano numerosi incendi fuori controllo.
 
Una sessantina di case sono state colpite e in parte distrutte, e centinaia di persone sono state evacuate dalle proprie abitazioni e portate verso i rifugi.
 
Un comunicato di Seul specifica che le forze armate sudcoreane hanno risposto all’attacco, con altri lanci di artiglieria e con l’invio di una squadra aerea. Proprio oggi l’esercito Sudcoreano aveva dato inizio a delle manovre militari previste da tempo.
 
Da Pechino, che è il principale alleato di Pyongyang, le prime reazioni allarmate. Un portavoce del ministero degli Esteri ha espresso “preoccupazione”.
 
Anche Mosca si è detta allarmata per il rischio di una escalation nella regione.
 
Una regione che da tempo costituisce area di crisi, sopratutto a causa dei progetti nucleari della Corea del Nord. Proprio per affrontare questi temi, oggi è arrivato nell’area l’inviato speciale statunitense Stephen Bosworth.
 
Contraccolpi all’attacco, per ora, solo sul piano dei mercati. Quelli orientali hanno chiuso con un segno negativo, dando origine a quella che pare per adesso la più consistente perdita degli ultimi sei mesi.