ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuova Zelanda, parla uno dei minatori salvatisi venerdì

Lettura in corso:

Nuova Zelanda, parla uno dei minatori salvatisi venerdì

Dimensioni di testo Aa Aa

Passano le ore ma la situazione non cambia. La missione di salvataggio dei 29 minatori dispersi a causa di un’esplosione avvenuta venerdì nel sud della Nuova Zelanda non può partire.

Nuovi test saranno effettuati per valutare la presenza di gas tossici lungo il percorso per raggiungere gli uomini intrappolati. Russell Smith è uno dei due loro colleghi che a tale trappola è riuscito a sfuggire:

“La difficoltà nel respirare è l’ultima cosa che ricordo. Circa 15 minuti dopo qualcuno mi ha trovato a 15 metri dal carrello che stavo guidando. Pensavo di essermi arrampicato da solo, ma dal mio aspetto hanno sospettato che sia stata l’esplosione a sbalzarmi via”.

Cresce l’angoscia dei parenti, impotenti di fronte all’impossibilità di avviare la macchina dei soccorsi. Il comandante della polizia locale Gary Knowles ribadisce che al momento nulla si può fare: “non posso avviare un’operazione che rischia di risolversi in un disastro” ha affermato.