ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Preghiera e raccoglimento prima del Concistoro

Lettura in corso:

Preghiera e raccoglimento prima del Concistoro

Dimensioni di testo Aa Aa

Una giornata di “preghiera e raccoglimento” prima di dare il via al Concistoro per l’ordinamento di 24 nuovi cardinali. Un evento irrituale, quello voluto da Benedetto XVI per venerdì, nel quale il pontefice si è riunito con tutti gli alti prelati al Vaticano.

I lavori sono stati introdotti dal segretario di Stato vaticano, il cardinal Tarcisio Bertone, con una relazione sulla libertà religiosa nel mondo. Sono seguiti interventi liberi dei cardinali, della durata massima di cinque minuti.

“Non credo ci sia qualcosa di inusuale in questo incontro. Non ci sono argomenti che ci preoccupano in modo particolare”.

È stato negli anni ’80 che per la prima volta uno scandalo sessuale legato alla chiesa cattolica è stato oggetto di attenzione pubblica.

Ma l’argomento è stato più che mai dibattutto negli ultimi anni. In particolare dopo la pubblicazione del rapporto Murphy, che ha mostrato le conclusioni delle inchieste pubbliche relative a degli abusi avvenuti all’interno dell’arcidiocesi di Dublino.

Da quel rapporto ha avuto origine un’ondata di nuove accuse in tutto il mondo.

Papa Ratzinger ha chiesto scusa alle vittime degli abusi, che però vorrebbero ottenere di più dalla Chiesa.

Altro tema caldo è quello dei rapporti con la Cina. L’arcivescovo emerito di Hong Kong, Joseph Zen Ze-kiun ha spiegato che con la Chiesa di Stato c‘è adesso un ‘‘clima positivo’‘, con un dialogo in corso, anche se la Chiesa ‘sotterranea’, non riconosciuta dal governo, ‘‘soffre’‘.

Ma le ordinazioni episcopali definite “illecite” dal Vaticano sono un problema diplomatico che resta rilevante.

Al Sinodo, la libertà religiosa è stato un altro tema importante di riflessione. Una preoccupazione più che mai viva in Vaticano, dopo l’attentato di al Qaeda alla cattedrale di Baghdad del 31 ottobre e la condanna a morte di Asia Bibi in Pakistan. La donna, cristiana, madre di cinque figli, è accusata di blasfemia.