ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Haiti. Dietro ai moti anti Onu ci sarebbe un piano di destabilizzazione

Lettura in corso:

Haiti. Dietro ai moti anti Onu ci sarebbe un piano di destabilizzazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Vengono considerati gli untori. Coloro che hanno diffuso l’epidemia di colera per le strade di Haiti già sconvolte dal terremoto.

I caschi blu dell’Onu devono froteggiare la rabbia della popolazione impaurita e ostile. Il contingente cileno ha sparato facendo 2 morti e adducendo di aver agito per legittima difesa.

Il portavoce della missione Onu ipotizza che dietro ai moti di piazza ci sia un piano di destabilizzazione “siamo convinti che vi siano forze che stanno soffiando sul fuoco per creare il caos alla vigilia delle elezioni” ha spiegato uno dei portavoce della MINUSTAH.

Gli scontri piu’ accesi sono scoppiati a Cap Haitien, la seconda città del paese dove un commissariato di polizia è stato dato alle fiamme. Le elezioni presidenziali e legislative si terranno il prossimo 28 novembre e questo nonostante la nuova emergenza provocata dall’epidemia che fino ad ora ha fatto piu di 900 morti ed ha raggiunto anche le tendopoli dei terremotati costruite attorno alla capitale Port au Prince.

A portare il colera sull’isola secondo fonti mediche sarebbero stati i caschi blu nepalesi. L’epidemia che ha colpito il paese asiatico sarebbe stata diffusa dallo stesso ceppo virale individuato nel DNA dei contagiati di Haiti