ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa protessero nazisti, rapporto riservato su NYT

Lettura in corso:

Usa protessero nazisti, rapporto riservato su NYT

Dimensioni di testo Aa Aa

C‘è una storia nota e un’altra meno nota. Quest’ultima è contenuta in un rapporto riservato di 600 pagine e racconta che, alla fine della seconda guerra mondiale, il governo americano decise di proteggere alcuni criminali nazisti, in nome dell’interesse nazionale.

Il New York Times, che ha dato la notizia, ritiene che non tutto sia ancora venuto alla luce.

“Il governo sa molto più della storia di collaborazione americana con i nazisti di quanto non abbia ammesso dal Dopoguerra a oggi”.

Esemplare il caso di Arthur Rudolph: a questo scienziato nazista esperto di missili venne concessa la cittadinanza americana nel ’45 e un incarico alla Nasa, dove è considerato il padre del missile Saturno V. Eppure il governo sapeva che in Germania aveva avuto un ruolo rilevante nello sfruttamento dei lavoratori-schiavi.

Il direttore, dell’associazione ebraica Anti defamation League fa appello al governo americano, affinché riveli le informazioni in suo possesso sulla collaborazione con esponenti nazisti.

Nella vicenda ha avuto un ruolo centrale il dipartimento di Giustizia, che per anni ha taciuto una verità scomoda: e cioè che l’America è stata un rifugio non solo per i perseguitati, ma anche per alcuni persecutori.