ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rimpasto di governo, la Francia svolta a destra

Lettura in corso:

Rimpasto di governo, la Francia svolta a destra

Dimensioni di testo Aa Aa

Un governo politico per una azione politica schiettamente di destra. Viene letto così, dai giornali francesi, il governo Fillon dopo il rimpasto voluto dal presidente Sarkozy.

Rappresentazione fisica di questo è l’ingresso nell’esecutivo di Alain Juppè, e l’uscita di ex socialisti e rappresentanti delle minoranze, come Kouchner o Rama Yade.

Giudizio negativo da parte dell’opposizione. La leader dei socialisti, Martine Aubry, accusa Sarkozy di preoccuparsi non della Francia e dei suoi problemi, ma della strategia migliore per arrivare alle prossime presidenziali. “E il nostro paese”, dice, “va male economicamente, socialmente e perde il suo posto nella scena mondiale”.

Critici anche i pareri di molti parigini, che dopo un lungo dibattito pubblico trovano poche novità sostanziali nel Fillon-due appena varato.

“Da cittadini sentiamo parlare di questo rimpasto ormai da sei mesi, e mi aspettavo l’arrivo di facce nuove. Invece niente di straordinario. Praticamente ci sono le stesse facce, e quindi anche la politica sarà la stessa”.

“Il premier Fillon resta al suo posto, pochi i nuovi. Credo che non sia cambiato molto”.

Della soluzione della crisi politica il capo dello stato francese ne parlerà domani sera in un messaggio in televisione. Secondo indiscrezioni Sarkozy potrebbe parlare per un’ora e mezza.