ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Quale futuro per la Nato?

Lettura in corso:

Quale futuro per la Nato?

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Alleanza Atlantica ha 61 anni. Nata come deterrente militare del campo occidentale ai tempi della Guerra Fredda ha cambiato pelle ritrovandosi in prima fila prima nei Balcani e oggi sul fronte afghano.
Il vertice di Lisbona del 19 e 20 novembre dovrà servire a fare chiarezza sul ruolo, le strategie e le nuove alleanze. Innazitutto il rapporto con la Russia che dopo le polemiche sullo scudo antimissile americano e la crisi in Georgia conosce oggi un nuovo ciclo che potrebbe portare a una collaborazione piu stretta partendo proprio dalla difesa missilistica a corto e medio raggio.

A Bruxelles il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen ha parlato di un vertice che si annuncia “storico”. Ha auspicato che la crisi economica e finanziaria non porti a drastiche riduzioni dei contributi versati dai singoli stati e ricordato che Unione Europea e Nato devono lavorare in stretta connessione perchè i loro interessi sono comuni.

I vertici dell’Alleanza Atlantica temono lo sfarinamento della coalizione militare impegnata nei combattimenti in Afghanistan. I ritiri unilaterali di truppe già attuati da alcuni paesi membri vanno proprio in questa direzione