ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue, allargamento. Erdogan: infastiditi e offesi

Lettura in corso:

Ue, allargamento. Erdogan: infastiditi e offesi

Dimensioni di testo Aa Aa

Infastiditi e offesi. La reazione della Turchia al rapporto sull’allargamento dell’Unione Europea che vede il ponte per l’Oriente restare semichiuso indispettisce Ankara. Lo ha detto chiaramente il Premier Recep Tayyip Erdogan:

“Siamo nel pieno dei negoziati ma sfortunatamente ci sono stati una certa negligenza e mancanza di tatto e la Turchia sta pagando un prezzo molto alto. Sia il governo che l’opinione pubblica sono infastiditi e offesi per questa situazione”.

I negoziati con Ankara sono stati avviati nel 2005. La Turchia ha già acquisitio lo status di candidato ma ha ottemperato ad 1 solo dei 35 punti necessari a completare il percorso per l’adesione. Il Commissario all’Allargamento, il ceco Štefan Füle, cerca di insistere sugli elementi positivi…

“Non accetto l’idea secondo cui staremmo perdendo tempo” dice. “Negli ultimi anni siamo andati avanti con il dialogo, abbiamo visto avanzare le riforme in Turchia, molte cose sono cambiate. “

A riempire d’ostacoli la strada per l’entrata della Turchia, oltre alle titubanze di Francia e Germania, è in primis la mancata normalizzazione dei rapporti con Cipro.