ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sahara Occidentale, a dicembre nuovi negoziati

Lettura in corso:

Sahara Occidentale, a dicembre nuovi negoziati

Dimensioni di testo Aa Aa

Nulla di fatto a New York tra Marocco e Fronte Polisario sul futuro del Sahara Occidentale. I negoziati riprenderanno a dicembre a Ginevra. Nella regione nord africana la violenza è esplosa lunedì quando le forze armate marocchine sono intervenute per sedare una protesta nei pressi della città di Laayoune.
 
“Il terrorismo è una minaccia globale. Abbiamo detto al Marocco che siamo pronti a collaborare con loro e con tutte le potenze occidentali interessate all’avvenire, ma il Marocco ha rifiutato”, ha detto il reppresentante di Polisario, Ahmed Boujarib.
  
‘‘Non c‘è solo la minaccia per la sicurezza naturalmente, che esiste sempre, e la comunità internazionale richiede la cooperazione tra tutti i paesi della regione – ha replicato il ministro degli Esteri del Marocco, Taieb Fassi - Non è solo l’imperativo della sicurezza. Ci sono anche esigenze economiche’‘. 
 
Il fronte Polisario, sostenuto da Algeria e Mauritania, reclama un referendum che preveda anche l’indipendenza.
 
L’assalto dell’esercito marocchino al campo sarahawi di Gdim Izik, vicino a Laayoune, ha lasciato sul terreno 11 morti e 723 feriti: e’ la denuncia del Fronte Polisario, secondo cui continua la repressione in tutta la citta’.
 
Le autorità marocchine hanno annunciato l’arresto di 163 persone nella regione. La Repubblica democratica del Sahrawi è membro riconosciuto dell’Unione africana.