ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Valute: é polemica Cina-Usa

Lettura in corso:

Valute: é polemica Cina-Usa

Dimensioni di testo Aa Aa

La Cina rischia di trovarsi sotto accusa per la sua politica monetaria. Nel mirino della speculazione c‘é la valuta locale lo yuan che secondo Washington é troppo sottovalutata rispetto al dollaro. Alla vigila del G20 Pechino acccusa il governo americano di provocare uno shock dopo la decisione della Federal Reserve di immettere sul mercato 600 miliardi di dollari di liquidità: é una manovra, dicono i dirigenti cinesi, il cui scopo é di aumentare l’inflazione a danno dei paesi emergenti.

Immediata la risposta del presidente americano Barack Obama in visita in India. A suo parere la peggiore cosa che possa arrivare all’economia mondiale é la mancanza di crescita.Seconodo il presidente Usa va in questo senso la decisione della Fed il cui obiettivo principale é di dare un colpo d’accelleratore ai consumi che stentano a decollare. E proprio per mettere un termine alla guerra delle valute che sta avvelenando i rapporti economici arriva la proposta schock del presidente della Banca Mondiale Robert Zoellick. In un’intervista al Financial Times Zoellick chiede un ritorno all’oro come punto di riferimento: obiettivo evitare la guerra delle valute. Un ritorno al sistema di Bretton Woods finito nel 71.