ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Erdogan: "Gli attentati non fermeranno la nostra ricerca di pace e sviluppo"

Lettura in corso:

Erdogan: "Gli attentati non fermeranno la nostra ricerca di pace e sviluppo"

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ salito a 32 il numero dei feriti causati da un attentatore suicida lanciatosi contro un automezzo della polizia nella centralissima piazza Taksim, a Istanbul. Cinque persone versano in condizioni critiche.

Lo scoppio è avvenuto a metà mattinata. L’attentatore, secondo la ricostruzione ufficiale, avrebbe tentato di salire su un bus pieno di agenti, venendone però allontanato.

Dell’attacco di Istanbul ha parlato anche il primo ministro Recep Tayyp Erdogan, impegnato in una visita ufficiale a Mardin, nel sud est kurdo.

“Non tollereremo coloro che puntano a alimentare i conflitti, coloro che minacciano la pace sociale, la sicurezza e lo sviluppo. Questi attentati non ci fermeranno nella nostra ricerca di pace e di fratellanza”.

Passando al setaccio la piazza, la polizia ha ritrovato degli oggetti che possono far pensare a un secondo ordigno, ma non è ancora chiaro se si tratti di una parte inesplosa della bomba principale.

Nessuna rivendicazione è giunta finora. In passato Istanbul è stata teatro di attentati compiuti dai kurdi del Pkk, da al-Qaida e da altri gruppi.