ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage di narcos in Messico. La violenza arriva anche nella capitale

Lettura in corso:

Strage di narcos in Messico. La violenza arriva anche nella capitale

Dimensioni di testo Aa Aa

Arriva a coinvolgere anche la capitale messicana, l’ondata di scontri violenti tra la polizia e i narcotrafficanti.

Sei giovani sono rimasti uccisi a Città del Messico in seguito a una sparatoria tra esponenti dei cartelli della droga, che finora avevano risparmiato il distretto federale.

Il responsabile delle indagini assicura che la strage non è collegata alla minaccia di un cartel di narcotrafficanti, che avevano promesso di uccidere 135 persone, una per ogni tonnellata di marijuana sequestrata la scorsa settimana a Tijuana.

In mattinata, nel centro della capitale, gruppi di giovani hanno manifestato contro la violenza, chiedendo la fine della più sanguinosa spirale di morti che il Messico ricordi.

I cartelli dei narcotrafficanti, con azioni sempre più eclatanti sul piano militare, rispondono alla sfida lanciata nei mesi scorsi dal presidente Felipe Calderon, che per molti è all’origine del rigurgito di violenza.

Violenza che solo nella ultima settimana ha causato già 35 morti in cinque diverse stragi, in tutto il paese.