ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Morte di Kirchner, le reazioni degli argentini

Lettura in corso:

Morte di Kirchner, le reazioni degli argentini

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre giorni di lutto nazionale. La bandiera della Casa Rosada sventola a mezz’ asta. Dalla notizia della morte di Nestor Kirchner il pellegrinaggio al palazzo presidenziale non si ferma: “Cristina non ci abbandonare – grida una donna piangendo- per favore. Non ci lasciare, sii forte come mai finora, noi ti siamo vicini”.

In tanti temono che Cristina Fernandez, privata del sostegno del marito, lasci il timone del paese, governato, secondo molti, in tandem con l’ex presidente.
“Se n‘è andato uno di noi, un amico, uno statista, un uomo che capiva le esigenze del popolo” – spiega un uomo. Luci, ma anche ombre intorno ad una figura di primo piano del panorama politico nazionale. Ma in queste ore i critici ricordano anche l’enorme ricchezza accumulata dall’ex capo di Stato.

Una fortuna da 11 milioni di euro in 5 anni.
“Io non sopportavo la sua politica provo sentimenti contraddittori. Soffro per la sua famiglia ma credo anche che abbia fatto del male al paese”- aggiunge un altro cittadino di Buenos Aires: “Non so cosa accadrà adesso. Veramente non lo so, qualcosa però deve succedere.

Speriamo che questo dia più forza a Cristina per affrontare un nuovo mandato”.
Si moltiplicano anche le domande sul futuro. Il partito peronista ha perso la sua guida e fra coloro che vedevano in Kirchner il faro del governo argentino c‘è sgomento.