ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Militari e stampa vietata. Sale la tensione in Sahara Occidentale

Lettura in corso:

Militari e stampa vietata. Sale la tensione in Sahara Occidentale

Dimensioni di testo Aa Aa

Con la pressione di Onu e popolazione Sarahwi, in Sahara Occidentale cresce anche la tensione.

Blindato e inaccessibile alla stampa straniera, l’accampamento nei pressi del quale un quattordicenne è stato domenica ucciso dalla polizia marocchina, in circostanze ancora da chiarire.

Secondo molti un sintomo, insieme ad ulteriori scontri, del nervosismo di Rabat di fronte montare delle rivendicazioni Sarahwi nei pressi del capoluogo El Ayun: più grande mobilitazione dall’indipendenza dalla Spagna nel 1975, nella forma di una tendopoli che non smette di crescere.

Circa 10.000 le persone ormai sorvegliate anche dagli elicotteri, che da due settimane hanno ingrossato le file della protesta, chiedendo al Marocco migliori condizioni di vita. Militarizzazione e freno ai nuovi arrivi la risposta a una rivendicazione che suona ora tanto più esplosiva, quanto più si avvicinano gli incontri che l’Onu dedicherà a novembre alla questione del Sahara Occidentale.