ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Java: dopo sisma e tsunami, l'eruzione vulcanica

Lettura in corso:

Java: dopo sisma e tsunami, l'eruzione vulcanica

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre esplosioni ravvicinate, ceneri sparate a un chilometro e mezzo di altezza, 500 scosse sismiche.

Dopo terremoto e tsunami, in Indonesia è entrato in attività anche il vulcano Merapi, uno dei più pericolosi al mondo. Un bimbo avrebbe perso la vita soffocato.

Alto quasi 3000 metri, il vulcano è al centro dell’isola di Java, a est della capitale Jakarta.

Alle sue pendici, in un raggio di 10 chilometri, i residenti sono stati costretti a lasciare le abitazioni. Alcuni uomini sono rimasti lo stesso, per occuparsi del bestiame e dei campi.

Qui siete al sicuro, ha detto alle migliaia di evacuati il vicepresidente Boediono subito accorso nelle strutture di accoglienza.

Il Merapi, tra i più attivi della zona, fa registrare un’eruzione ogni 4 anni.

L’ultima fece 2 morti, la più devastante, nel 1930, 1300.