ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stop alla miseria in Europa

Lettura in corso:

Stop alla miseria in Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Rapporti parlamentari, tavole rotonde, campagne di comunicazione…la povertà entra nel dibattito europeo. Ben un abitante su sei, all’interno dell’Unione europea, ne soffre. Qual è la situazione?

L’Europa dovrebbe essere una delle regioni più prospere del mondo, ma 84 milioni di persone , pari al 17% della sua popolazione – vivono attualmente al di sotto della soglia di povertà.

I più esposti al rischio povertà sono gli anziani oltre ai giovani sotto i 17 anni.
In aumento anche il numero di lavoratori poveri. L’8% degli europei che lavorano non guadagna abbastanza per venire incontro ai propri bisogni.

La povertà si traduce anche a un accesso più difficile alla sanità, alloggi e istruzione: tutte aree che potrebbero essere le prime a dover sostenere il peso delle misure di austerità adottate dagli Stati membri, denuncia il deputato europeo Pervenche Berès:

“L’accesso ai servizi pubblici è qualcosa che ho preso a cuore, perché credo che gli sforzi degli stati membri di ridurre i loro debiti possano diventare tagli alle risorse del servizio pubblico. Combattere la povertà è impossibile se viene negato l’accesso ai diritti fondamentali”

Garantire il diritto dei più poveri a una vita dignitosa è anche il leitmotiv del direttore dell’Ufficio europeo per la lotta alla povertà.
Oltre alle dichiarazioni d’intendo della classe politica, lui attende delle azioni e veloci:

“Sappiamo che la disuguaglianza è ingiusta per chiunque, nella società. E stiamo costruendo un’Europa molto precaria che sta perdendo fiducia nelle proprie istituzioni a livello europeo. E che l’unico modo per riguadagnare fiducia è incentrare di nuovo l’attenzione sulla questione della redistribuzione, sconfiggendo la povertà, la povertà infantile, tagliando i collegamenti le migrazioni e la povertà”.

Lo scorso giugno, i 27 si sono impegnati a ridurre il taso di povertà del 25% da qui al 2020. Un’ambizione realista o forse rivista al ribasso, visto che a Lisbona si era ipotizzato lo sradicamento della povertà entro il 2010…

“Per saperne di più sull’Europa, Europe Direct: un numero verde, un sito internet e un centro di informazioni vicino a casa vostra.”