ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terzigno, la guerriglia non si ferma

Lettura in corso:

Terzigno, la guerriglia non si ferma

Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora scene di guerriglia a Terzigno. Da mercoledì nel napoletano gli scontri tra polizia e cittadini non si fermano. Nel pomeriggio di ieri, le forze dell’ordine che scortavano i camion dei rifiuti all’ingresso della discarica, sono state investite dal lancio di sassi, sbarre di ferro e bottiglie di vetro. Secondo la Questura di Napoli sono stati una ventina gli agenti feriti negli scontri, presi di mira anche gli autocompattatori, dati alle fiamme dai manifestanti. A scatenare la nuova ondata di proteste è stata la decisione del governo regionale e dei presidenti di alcune province del napoletano, di dare il via libera alla seconda discarica nel Parco nazionale del Vesuvio. Si tratterebbe del più grande sversatoio d’Europa. Il Consiglio dei ministri di oggi dovrebbe occuparsi della nuova crisi dei rifiuti campana.