ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama in campagna per il Midterm

Lettura in corso:

Obama in campagna per il Midterm

Dimensioni di testo Aa Aa

Missione: mobilitare gli elettori che hanno votato per lui nel 2008. Barack Obama è in tournée in vista delle elezioni di metà mandato. A Seattle ha incontrato un gruppetto di donne. Tema: l’economia, argomento sensibile in un momento in cui la disoccupazione negli Stati Uniti è quasi al dieci per cento. E le donne, più inclini a votare democratico, sono anche le più colpite dalla crisi.

Obama ha detto: “La nostra economia funziona solo quando tutti partecipano e questo significa che questioni come ‘pari retribuzione per pari lavoro’ non riguardano solo le donne. Riguardano le famiglie della classe media, perché il benessere delle donne determina il benessere delle nostre famiglie”.

Il presidente, in calo di consensi, sta investendo energie nella promozione di candidati – e candidate – in Stati-chiave, molti già in mano ai democratici. Come per la senatrice dello Stato di Washington Patty Murray. Una promozione per la quale chiede aiuto agli elettori: “Ho bisogno che bussiate alle porte e telefoniate ai vostri amici e parliate ai vostri vicini. Se lo farete, vi prometto che non solo vinceremo le elezioni, ma ricostruiremo il sogno per la prossima generazione!”.

Un dispendio di energie necessario. Il 2 novembre è cruciale per Obama, che sembra già destinato a perdere la maggioranza, in particolare alla Camera dei Rappresentanti. Attualmente, dei 435 seggi, i democratici ne detengono 256, i repubblicani 179. La maggioranza è a 218.

Al Senato si rinnovano 37 seggi su 100 , ma potrebbero bastare a cambiare i rapporti di forza. Al momento la maggioranza consta di 57 senatori democratici appoggiati da due indipendenti, contro 41 repubblicani.

Si vota anche per 37 dei 50 governatori. E anche qui, i democratici stanno rischiando di perdere una decina di seggi, secondo i sondaggi.

La scelta dei governatori, in particolare in certi Stati-chiave, è tradizionalmente decisiva per le elezioni presidenziali. Il 2 novembre è la lente attraverso cui Obama guarda al 2012.