ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Velo nelle università turche. Scontro governo-magistratura

Lettura in corso:

Velo nelle università turche. Scontro governo-magistratura

Dimensioni di testo Aa Aa

Velo sì, velo no. Con il riesplodere della questione politica, in Turchia monta il timore di una deriva islamica del governo. A dar fuoco alle polveri un pronunciamento della Suprema corte d’appello, che ha individuato nella libertà di portare il velo in università e scuole pubbliche una minaccia al principio di laicità che ispira la Costituzione dagli anni ’20.

“Mi aspetto – ha commentato il presidente del Parlamento, Mehmet Ali Şahin – che chi si è pronunciato in questa maniera torni subito sui propri passi. E che si scusi con la nazione turca e il parlamento che la rappresenta”.

Presa di posizione che rischia di gelare l’apertura dell’opposizione al governo filo-islamico del premier Erdogan, che già tre anni fa aveva tentato di abolire il divieto attualmente in vigore, proprio in università e scuole pubbliche.

Complice la moglie del presidente Abdullah Gul, di recente apparsa velata in occasione dell’incontro col capo di stato tedesco, il rilanciato dibattito sul velo suona ora a molti come un campanello d’allarme.